Lavorare a Minorca: intervista ad Alessandro

Oggi parliamo con Alessandro, grande conoscitore dell’isola di Minorca, della quale ha scritto una guida e ha un sito internet. Chi meglio di lui ci può dire come vivere a Minorca? A fine intervista,  troverete anche un video su questa bellissima isola…non perdetevelo!

Lavorare a Minorca - aspassoperlaspagna.itCiao Alessandro! Ti sei trasferito anni fa a Minorca. Come mai hai scelto di trasferirti all’estero? Come mai proprio in Spagna?

Dopo 15 anni di lavoro come libero professionista nel settore commerciale, avevo bisogno di cambiare, di vivere in modo più rilassato e disteso. La scelta è ricaduta sulla Spagna, e Minorca in particolare, perchè qui c’è il mare, la vita scorre a ritmi lenti e la sicurezza è una realtà, non una delle tante promesse che ci fanno quotidianamente i nostri politici. Minorca ha delle spiagge magnifiche, non ha inquinamento e si vive con meno rispetto all’Italia (il costo della vita è per molti aspetti decisamente inferiore rispetto all’Italia). Per questo l’ho scelta.

Conoscevi già Minorca prima di abitarci?

Si, sono venuto qui per la prima volta nel 1999 e ci sono tornato in vacanza praticamente tutti gli anni successivi fino al mio trasferimento definitivo.

Come hai imparato lo spagnolo?

L’ho studiato ai tempi dell’Università. Poi ho fatto vari soggiorni studio all’estero per poterlo perfezionare. Ma continuo tutt’ora perchè mi rendo conto che c’è sempre qualcosa che mi manca.

Di cosa ti occupi sull’isola? Che consigli daresti a chi sta pensando di trasferirsi lì per lavoro?

Faccio diverse cose. Tra tutte gestisco il mio Magazine “Voglio Vivere Così”, che da 10 anni parla di cambiamento e di italiani all’estero, e sul quale tengo una rubrica per chi sogna di trasferirsi a Minorca. Ho poi una guida digitale dell’isola che informa e consiglia (www.isoladiminorca.com). Come ultima cosa ad aprile, in società con dei ragazzi di qui, apriremo un’agenzia che offrirà escursioni e servizi turistici, ma se vuoi di questo ti parlerò meglio più avanti.

Come è stato l’approccio con la burocrazia spagnola (cambio di residenza, rinnovo patente…)?

Direi ottimo. Rispetto al sistema italiano dove, quando ti approcci alla pubblica amministrazione ti senti sempre un “miracolato” se riesci ad ottenere qualcosa in tempi brevi e senza essere trattato come uno zerbino, qui è tutto più snello, efficiente e nei limiti del possibile “umano”.

Lavorare a Minorca - pendenteCosa ti manca di più dell’Italia?

Direi l’arte e l’architettura che ovunque tu vada puoi osservare, respirare e vivere.

Il tuo piatto tipico preferito?

Non è proprio tipico ma qui i “gambas a la plancha” sono meravigliosi!

Mai lasciare Minorca senza…

Le Avarcas (le scarpe tipiche di Minorca), comode e colorate ed un pendente in argento 925 di Minorca che ho fatto realizzare dalla mia amica Cristina Ferrari e che presto venderemo qui sull’isola e sul web.

Grazie mille per la disponibilità 🙂

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *