Lavorare a Siviglia: intervista ad Alberto

Oggi parliamo con Alberto che ha vissuto tanto tempo all’estero ed in particolare a Siviglia. Dalla sua passione per l’Andalusia è nato anche un blog. Volete scoprirne di più? Ecco qui l’articolo 😉

Lavorare a Siviglia - Alhama de Granada

Alberto all’Alhama de Granada

Ciao Alberto! Hai vissuto a Siviglia per vario tempo. Come mai hai scelto di trasferirti all’estero? Come mai proprio la Spagna?

È stata una scelta progressiva. Inizialmente, da diciottenne, mi sono trasferito semplicemente per imparare una nuova lingua e per vivere un’esperienza lavorativa all’estero, concretamente a Valencia. Successivamente, ho voluto specializzare il mio percorso di studi frequentando un Master a Siviglia. La prima scelta fu Valencia perchè a quell’epoca (2006) era una città economicamente e culturalmente in forte crescita.

Conoscevi già Siviglia prima di abitarci? In che altre città hai vissuto?

Sì, visitai Siviglia assiduamente, è una città che mi ha attratto sin dall’inizio, così come tutta l’Andalusia. Ho vissuto 6 mesi a Valencia, poi un anno a Barcellona, 5-6 anni a Siviglia, poco meno di un anno a Málaga ed infine un annetto a Cordoba.

Dove hai imparato lo spagnolo? 

Durante la mia prima esperienza valenciana ho imparato a parlare lo spagnolo attraverso l’interazione con la gente ed i compagni di lavoro. Con il Master di Siviglia ho perfezionato la lingua e soprattutto mi sono dovuto sforzare ad imparare a scrivere lo spagnolo correttamente.

Hai trovato difficoltà nel comunicare con le persone del luogo?

Direi di no. L’importante è la volontà di voler farsi capire. Chiaramente si hanno alcune difficoltà quando, cambiando di regione, cambia l’accento ed alcune espressioni.

Sei riuscito a trovare subito lavoro?

Adattandomi e sapendo le lingue non ho avuto difficoltà ad incontrare lavoro, soprattutto nel settore turistico (cameriere, reception, PR, biglietteria). Una volta terminato il Master, avendo altre ambizioni, ho avuto l’opportunità di fare uno stage in un ufficio che si occupa di valorizzazione del patrimonio culturale, un’esperienza lavorativa che poi si è prolungata per vari mesi.

Come è stato l’approccio con la burocrazia spagnola (cambio di residenza, rinnovo patente, NIE…)?

Abbastanza facile. Per quanto riguarda la sanità, la residenza ed il NIE non ho avuto alcun problema (solo un po’ di coda). Per un periodo ho aperto anche la partita IVA e veramente non ho trovato nessuna difficoltà a gestire io da solo tutta la burocrazia, anche la dichiarazione dei redditi.

Cosa ti mancava di più dell’Italia?

Soprattutto d’estate nell’arida Andalusia mi manca il verde paesaggio alpino italiano. Una seconda cosa, che può sembrare una banalità, è la pizza: una buona pizza a prezzi modici.

Lavorare a Siviglia - CAAC Monastero Cartuja

CAAC Monastero Cartuja

Quali posti consiglieresti di visitare in Andalusia?

Il blog che ho creato (www.andalusiaviaggioitaliano.com) si occupa proprio di consigliare ai turisti italiani luoghi che non vengono menzionati dalle più comuni guide turistiche. Per questo mi piacerebbe menzionare due territori che, per lavoro,  ho avuto opportunità di studiare a fondo e alla quale sono abbastanza affezionato: Alhama de Granada e Los Pedroches (in provincia di Córdoba). Alhama de Granada è un paesino dal ricco patrimonio monumentale islamico mentre Los Pedroches è un territorio con una notevole cultura agricola.

Qual è il tuo monumento o luogo preferito di Siviglia? 

Mi piace molto la zona della Calle Feria e dell’Alameda, ma ultimamente sto riscoprendo anche il CAAC – Monastero della Cartuja. In questo momento queste due zone sono quelle che offrono, secondo me, i più interessanti eventi culturali a Siviglia.

Come ti sembrano gli andalusi con gli stranieri? Pensi che abbiano un carattere diverso da quello del resto degli spagnoli? 

La popolazione andalusa è normalmente ospitale, così come gli spagnoli in generale o gli stessi italiani. Sono del parere che ogni comunità abbia, fortunatamente, delle caratteristiche diverse.

Grazie mille per la tua disponibilità 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *