6 gennaio in Spagna: arrivano i Re Magi!

In Spagna, una delle feste più sentite dell’anno, è quella del 6 gennaio. A differenza dell’Italia dove piccoli e grandi (non neghiamo!) aspettano l’arrivo di una Befana buona ma brutta che, volando di notte sulla sua scopa, porta dolci e caramelle a chi si è comportato bene e carbone ai più monelli, lì si celebra qualcosa di diverso.

re magi - aspassoperlaspagna.it

6 gennaio in Spagna: cosa si festeggia?

Il 6 gennaio si festeggia, come in quasi tutto il resto del mondo, l’arrivo dei 3 Re Magi nel luogo nel quale si trovava Gesù Bambino con la sua famiglia. Non esiste, quindi, la Befana come in Italia ma vengono celebrati “los Reyes Magos“: Melchiorre (Melchor), Baldassarre (Baltasar) e Gaspare (Gaspar). Vi ricordate chi erano e la loro storia? Secondo il Vangelo di Matteo, i Re Magi arrivarono a Gerusalemme dall’allora Re Erode per vedere il “nuovo Re dei Giudei“. Furono loro, incosciamente, ad innescare “la strage degli innocenti” (Día de los Inocentes, in spagnolo) ovvero l’uccisione, per ordine del Re Erode, di tutti i bebè nati in quel periodo, nella certezza che Gesù fosse uno di loro. Arrivati a Betlemme, los Reyes Magos, regalarono a Gesù oro (oro), incenso (incienso) e mirra (mirra) e, avvisati delle brutte intenzioni di Re Erode che aveva chiesto loro di informarlo nel caso avessero trovato il bimbo, fecero ritorno al loro paese senza dare notizie su Gesù.

6 gennaio in Spagna: come si celebra?

I festeggiamenti iniziano già il 5 gennaio pomeriggio/sera con una sfilata nelle vie principali della città: la Cabalgata de los Reyes! Durante questo evento, i Re Magi, aiutati da alcuni “assistenti” (i pajes), tirano dai loro carri dolci e caramelle ai bambini presenti. Ogni bambino ha il suo Re preferito al quale scrive una lettera (come quella di Babbo Natale) dove gli spiega che si è comportato bene e cosa vorrebbe ricevere in dono. Prima di andare a dormire, ogni bambino lascia dell’acqua per i cammelli e qualche dolce o bibita per i Re Magi e lascia, sotto l’albero di Natale, una scarpa: sarà qui che alla mattina troverà il proprio regalo.

6 gennaio in Spagna: tradizioni culinarie

Il 6 mattina si fa colazione con il roscón de Reyes, il tipico dolce di questa giornata. Si tratta di una ciambella ripiena (di solito con crema, cioccolato o panna) con sopra della frutta candita, nella quale viene nascosto una specie di fagiolo, chiamato haba  o una figurita ovvero una statuina: chi la trova deve pagare l’intero dolce (che non costa neanche poco, 20 € circa!)

re magi - photocredit Ratamala via visualhunt

Photo Credit: Ratamala via Visual Hunt

 

 

18 Responses

  1. Sofia ha detto:

    per una ricerca è poco ma comunque sei bravissima ne potresti fare altri

  2. Iacopo Pieri ha detto:

    Io che sono un fissato con la Spagna e anche molto religioso. Volendo dare un senso cristiano alla festa dell’Epifania con i miei figli ho fuso le tradizioni: il 5/06 i regali li portano i re Magi ( come in Spagna) ma essendo re si fanno aiutare dalla Befana una vecchietta che li aiuta tutto l’anno nel loro Palazzo in Oriente. Così tutti felici.

  3. Camilla Assandri ha detto:

    Avevo già letto il tuo articolo mentre ero in montagna, ma a causa della pessima connessione internet non ero riuscita a commentare!
    Eccomi qui di nuovo. Mi piace molto leggere le tradizioni dei paesi stranieri e come te adoro la Spagna.
    Sapevo che lì si festeggiano i Re Magi, invece con conoscevo il dolce che si gusta a colazione 😛

    • Stefania ha detto:

      Ciao Camilla! Anche a me piace tantissimo scoprire le tradizioni degli altri paesi e confrontarle con quelle italiane 😉

  4. Chiara ha detto:

    Io ancora oggi continuo a fare il presepe, e i Re Magi li metto soltanto nella notte del 5 gennaio! Rispetto le tradizioni spagnole! 🙂

    • Stefania ha detto:

      Ciao Chiara! Io ormai sono anni che non faccio il presepe e non mi ricordo come facevo ma penso che i Re Magi non li mettessi proprio ehehe chiederò a mia mamma che sicuramente se lo ricorda 😉

  5. Agnieszka ha detto:

    Che belle tradizioni! Conoscevo Roscón de Reyes, ma non sapevo che il tutto cominciasse il 5 pomeriggio.

    • Stefania ha detto:

      Ciao Agnieszka! Si, comincia tutto dal 5 gennaio e la sfilata è molto carina 🙂 tutti i bambini la aspettano con ansia

  6. Elisa e Dintorni ha detto:

    Mi piacciono questi post dove si imparano le tradizioni degli altri paesi.
    Bello davvero! 🙂

    • Stefania ha detto:

      Grazie mille Elisa! Sono i post che mi piace di più scrivere perchè mi piace davvero tanto conoscere la cultura degli altri paesi 🙂

  7. Conoscevo il Roscon del Reyes, ma non sapevo della sfilata con tanto di lancio dei dolciumi, né della letterina scritta a uno dei Re Magi. Mi fai scoprire sempre tante cose nuove, ti ringrazio!

    • Stefania ha detto:

      Ciao Agnese! Grazie mille! Anche tu me ne fai scoprire tante con il tuo blog, cose di un continente che non ho neanche mai visto 🙂

  8. Carmen ha detto:

    Ma sai che io da piccolina aspettavo i Re Magi?!?! E infatti nel Presepe li mettevo il 5 sera. Secondo me in Italia si è un po’ perso l’aspetto religioso e della vera tradizione. Sapevo di questi festeggiamenti…sono un po’ fissata con la Spagna 😉 ahahaha ma non ci sono mai stata in questo periodo!!! Per un prossimo viaggio 😉

    • Stefania ha detto:

      Ciao Carmen! Io non sono molto religiosa e non mi ricordo neanche più quando ho fatto il presepe l’ultima volta e se mettevo i Re Magi, chiederò a mia mamma 😉 Tranquilla, anche io sono fissata con la Spagna ma forse questo si era già capito hehehhehe

  9. Che bello questo viaggio nelle tradizioni spagnole! Mi piace la storia del dolce che deve essere pagato da chi trova l ‘ intruso nella torta!e mi piace il fatto che ci sia una scusa per sognare ancora un po..per scrivere una nuova letterina ed aspettare un nuovo dono,demtro una scarpa! Che poi è molto legata all’attesa dei dolci nella calza!

    • Stefania ha detto:

      Ciao! Sì, sembra un pò un misto di tradizioni… quando mi hanno chiesto di mettere la mia scarpa sotto l’albero mi sono un po’ stranita: io aspettavo la Befana ma anche i Re Magi sono stati molto buoni 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *