Athletic de Bilbao: la squadra dei baschi

Quando si pensa al calcio spagnolo, i primi nomi che vengono in mente sono FC Barcelona e Real Madrid, due delle squadre più forti del mondo. Da qualche anno, però, in molti stanno iniziando a provare noia e a volte addirittura ostilità per queste due squadre. Il motivo è molto semplice: giocatori strapagati che spesso si vendono al miglior offerente e la vera e propria monopolizzazione della Liga spagnola (la stessa cosa che da noi succede con la Juventus). Quando inizia il campionato calcistico in Spagna, la classifica è quasi scontata e questo ha spinto moltissimi a riscoprire quelle squadre, magari meno famose o vincenti, ma più vere e da valori che sembrano essere più sani.

Parlando di questo tema, non potevo non menzionarvi la storia dell’Athletic Club (da tutti chiamato Athletic o Athletic de Bilbao), sicuramente il team calcistico più caratteristico della Spagna.

Probabilmente ne avrete sentito già parlare sia perché ha disputato in Europa (anche contro le italianissime Napoli e Juventus, solo per citarne alcune), sia per l’ultima notizia che pochi giorni fa ha invaso il web: tutti i giocatori, per solidarietà con il loro compagno di squadra 22enne, Yeray Alvarez, malato di cancro e che sta sottoponendosi a cicli di chemioterapia, hanno deciso di rasarsi la testa. Un gesto grandissimo che sta davvero commuovendo tifosi e non del club.

athletic bilbao rasati

Foto credit: Athletic Club

Athletic de Bilbao, la squadra dei baschi: la storia e il nome

Fondato nel 1898 a Bilbao, capitale della provincia di Bizcaia, nei Paesi Baschi, l’Athletic Club è caratterizzato dai colori rosso e bianco (anche se nelle nuove magliette potrete trovare anche il verde, uno dei 3 colori dei Paesi Baschi, insieme agli altri due citati prima). Il nome deriva dalle due primitive squadre di calcio ovvero Athletic Club e il Bilbao Fútbol Club e il nome è scritto in inglese perché questo gioco fu importato in città dagli inglesi, che avevano molti contatti con Bilbao, soprattutto a causa del settore siderurgico.

Athletic de Bilbao, la squadra dei baschi: lo stadio

Il suo stadio si chiama San Mamés (circa 53.000 posti) e viene chiamato “la Cattedrale”. E’ il più antico stadio di una grande città in Spagna, costruito nel 1913. Tale stadio è stato recentemente ricostruito, buttando giù quello vecchio, ma lasciando un solo muro che è stato integrato con il nuovo edificio. Purtroppo, dato l’altissimo numero di spettatori durante le partite, non sono mai riuscita a entrarci (ma sono riuscita ad andare a Lezama, al campo d’allenamento), ma se passate da Bilbao, vi consiglio caldamente di visitare (anche solo da fuori) il nuovo San Mamés perché è uno degli stadi più spettacolari d’Europa.

Athletic Club - Lezama - aspassoperlaspagna.it

Allenamento a Lezama

Athletic de Bilbao, la squadra dei baschi: la caratteristica principale

Se non conoscete questa squadra, il titolo potrebbe farvi pensare che tutti nei Paesi Baschi facciano il tifo per lei. Niente di più sbagliato ovviamente: il cuore dei baschi si divide anche fra due acerrimi nemici del club bilbaino ovvero la Real Sociedad (l’equipo di San Sebastián) e il Deportivo Alavés (la squadra della capitale Vitoria). Cosa avrà allora di così particolare l’Athletic? Tale squadra ha deciso di giocare solo con giocatori provenienti dai Paesi Baschi o dalla Navarra, regione anticamente inclusa nell’Euskalherria, ovvero le zone di Francia e Spagna di cultura basca (Fernando Llorente, acerrimo nemico dell’Athletic dopo averlo lasciato per andare alla Juventus, proviene, infatti, da Pamplona). A Bilbao, è scontato essere dell’Athletic e chi non lo è non viene visto proprio di buon occhio. L’appartenenza al club è così sentita da aver deciso di creare il premio “One Club Player Award” (o “One Club Man Award”), il riconoscimento ai giocatori (di altre squadre) che hanno sempre e solo giocato in un unico club (nel 2016 è stato dato a Paolo Maldini, ex capitano del Milan).

Paolo Maldini One Club Player Award - foto di El Correo

Foto credit: El Correo

Athletic de Bilbao, la squadra dei baschi: Athletic Bilbao e Atlético Madrid

State attentissimi a non fare una cosa quando parlate con uno dei due tifosi di queste squadre: a confonderli! La confusione è facile perché i colori sociali (rosso e bianco) sono gli stessi e questo deriva dal fatto che l’Atletico Madrid (chiamato originariamente Athletic de Madrid) è stato fondato da un gruppo di studenti baschi che vivevano nella capitale spagnola. L’Atleti, come è affettuosamente chiamato dai suoi fan, non segue la stessa regola di appartenenza della squadra basca tanto è vero che un suo ex calciatore ed attuale allenatore è Diego Simeone che è argentino e che tra l’altro è molto odiato dalla tifoseria basca per un brutto fallo che fece a un giocatore dell’Athletic durante la sua carriera.

2 Responses

  1. Celeste ha detto:

    Aspettavo questo articolo!!
    E mi sento chiamata in causa pure io, sia per l’odio verso Barcellona e Real, che da tifosissima dei colchoneros 😀 Ma seguo ben volentieri le gesta di Raul Garcia a Bilbao.
    Comunque ribadisco, bellissimo gesto della squadra, bellissimo.

    • Stefania ha detto:

      Ciao Celeste! Per me, er meglio (come direbbero a Roma) è il mio mitico Aduriz! <3 Il gesto della squadra è stato bellissimo 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *