Cinema: Fe de Etarras

Netflix, ve lo dico sempre, ha aperto una finestra su film o serie TV che mai sarebbero arrivati in Italia, ma che ora, grazie a questa piattaforma, sono fruibili da tutti. È il caso di Fe de Etarras, il film del 2017 diretto dal basco Borja Cobeaga, famoso anche per essere lo sceneggiatore di “Ocho apellidos vascos”.

Fe de Etarras - foto Netflix

Fe de Etarras – copyright Netflix

Fe de Etarras – background storico

Per meglio comprendere questa commedia, forse bisognerebbe fare un passo indietro e iniziare dal principio. L’ETA (Euskadi Ta Askatasuna ovvero “Euskadi e libertà”) è/era un’associazione terroristica realmente esistita e nata alla fine degli anni ‘50 per affermare, anche e soprattutto con la violenza, l’indipendenza del territorio basco. Il gruppo venne definitivamente sciolto nel 2018 anche se l’ideologia rimane ancora molto viva, non tanto nei metodi quanto nel concetto stesso di separazione economica e politica dalla Spagna. La parola “Etarra” definisce un membro di questa organizzazione e, da qui, ci ricolleghiamo direttamente al titolo del film, traducibile come “La fede degli Etarra”, un titolo che comprenderete solo alla fine.

Fe de Etarras – trama

Inizia tutto con un breve flashback a Bayona, nel 1998, durante una retata nella quale vengono arrestati 3 Etarras mentre uno, Martín, riesce a scappare. Dodici anni più tardi, nel 2010, la Spagna sta affrontando i Mondiali in Sudafrica che, come già sappiamo, si concluderanno con la loro vittoria. È in questo periodo di “distrazione popolare” che Martín cerca di ricostruire un piccolo gruppo di Etarras che non vuole arrendersi alla direzione “più pacifica” che sta prendendo il movimento. Insieme ad altri tre giovani, cercherà di organizzare un attentato durante la notte della finale di Spagna-Olanda che, però, non andrà proprio come previsto.

Fe de Etarras – cast

Gli attori principali del film sono davvero pochi, ma ognuno ha forti caratteristiche.

Martín: è il capogruppo cinquantenne proveniente da Soria (La Rioja), il più indottrinato del gruppo. Vi sembra sia un viso conosciuto? Avete ragione! Si tratta di Javier Cámera, l’attore che in un’altra famosissima serie Netflix, Narcos, ricopriva il ruolo del contabile del Cartello Calí, Guillermo Pallomari.

Pernando: il ragazzo non molto listo di Albacete (che, tra l’altro, non fa parte del territorio basco) che ha come unico desiderio quello di diventare Etarra (notare la collanina molto discreta che porta sempre al collo).

Ainara: l’unica ragazza del gruppo, la cui fedina penale la rende anche una grande paranoica.

Álex: ha una relazione con Ainara e il suo vero sogno, più che un’Euskadi libera, è partire per l’Uruguay.

Fe de Etarras – il film

Il film dura un’ora e mezza circa e vi consiglio di vederlo in spagnolo originale con sottotitoli in italiano, se volete sentirvi più sicuri. È un film assolutamente comprensibile per chi ha una conoscenza medio-alta della lingua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *