Mezzi di trasporto in Spagna: consigli pratici

A volte anche gesti semplici e quotidiani, come prendere i mezzi pubblici, possono dare qualche problema se ci si trova all’estero. Mi ricordo ancora il giorno in cui la nostra professoressa di inglese ci ha raccontato della multa che si è presa quando era in Inghilterra perché, essendosi addormentata nell’autobus, non era scesa alla fermata giusta (e fino alla quale aveva pagato) e, credendola una furbetta, l’avevano multata.

E sì, perchè a volte qui in Italia, siamo molto tolleranti per quanto riguarda i biglietti non pagati e quando cerchiamo di replicare il nostro comportamento all’estero, l’unica cosa che ci becchiamo è una multa o, nel migliore dei casi, degli sguardi di disapprovazione.

consigli sui mezzi di trasporto - aspassoperlaspagna.it

Data la mia esperienza, non sempre positiva, sui mezzi di trasporto, ho deciso di darvi alcuni consigli per rendervi più facile la vita 😉

Consigli sui mezzi pubblici in Spagna: l’autobus

  1. Il primo e più importante consiglio è quello di salire sull’autobus utilizzando sempre e solo la porta anteriore mentre utilizzare sempre e solo quella in mezzo e quella posteriore per scendere.
  2. Prenotare sempre la chiamata col campanello perché non è detto che l’autobus si fermi ad ogni fermata (ma questo è prassi anche in Italia).
  3. Dove si comprano i biglietti dell’autobus in Spagna? Sull’autobus stesso! E’ proprio per questo che bisogna fare come spiegato nel punto 1: salire dalla prima porta per comprare il biglietto dall’autista o per convalidare la tessera alla macchinetta e scendere dalle altre porte per non “intralciare” tali operazioni.
  4. Questa è la cosa che mi ha lasciata più sconvolta ed arrabbiata: ogni volta che l’autobus arriva al capolinea, bisogna comprare un’altra volta il biglietto. Non importa se siete saliti alla fermata prima: nuovo giro, nuovo biglietto!

Consigli sui mezzi pubblici in Spagna: il tram

  1. I biglietti del tram in Spagna si comprano alle macchinette situate alle fermate, non sul tram.
  2. Proprio per il fatto che il biglietto non viene venduto dall’autista, è possibile salire e scendere da qualsiasi porta.
  3. Se il biglietto è un foglio stampato (tipo scontrino), dovrete solo tenerlo per mostrarlo nel caso venisse il controllore (el revisor) mentre se è un cartoncino (tipo quello che vi danno nei parcheggi), dovrete passarlo vicino alla macchinetta per convalidarlo.
  4. State attenti perché alcuni biglietti valgono solo 30 minuti dal momento dell’acquisto (ad esempio a Siviglia)
  5. Quando il tram arriva al capolinea, non c’è bisogno di scendere e rifare il biglietto (se siete entro l’orario di validità).

Consigli sui mezzi pubblici in Spagna: il treno

1. I biglietti si comprano, come qui in Italia, in stazione ma se il treno sta per arrivare e voi non avete tempo di andare in biglietteria, basterà informare il controllore in modo che vi venderà lui il biglietto.

Consigli sui mezzi pubblici in Spagna: consigli generici

  • Se decidete di vivere lì o se siete in Erasmus, informatevi sempre su quanto costano gli abbonamenti dato che il prezzo del biglietto, utilizzando una tessera, è molto più basso.
  • Molte city card includono vari viaggi fatti con i trasporti pubblici.
  • Il vocabolo “autista” è un falso amigo e significa “autistico“, autista si dice “conductor“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *