L’invenzione spagnola del mocio

Si tratta di uno dei nostri maggiori alleati nel tener pulita la casa e, da quando fu inventato nel 1956, ha sicuramente aiutato milioni di persone a pulire più velocemente e facilmente i pavimenti, senza dover stare inginocchiati tutto il tempo, ma stando in piedi, in una posizione più comoda ed adatta anche alle persone dall’età più avanzata. Sto parlando del mocio, un’invenzione tutta spagnola.

mocio invenzione spagnola - aspassoperlaspagna.it

Fu l’ingegnere Manuel Jalón Corominas all’età di 31 anni a brevettare quello che noi conosciamo come mocio, perfezionando uno strumento già utilizzato negli Stati Uniti e che vide per la prima volta durante la sua istanza in una base americana aeronautica, utilizzato per la pulizia degli hangar. Tornato in Spagna, a Saragozza, decise di modificarlo, perfezionarlo e di chiamarlo lavasuelo, un nome facile ed intuibile anche se con gli anni (e tuttora) in Spagna è conosciuto come fregona (da fregar ovvero pulire/strofinare), mentre in Italia è stato italianizzato con mocio. In spagnolo per mocho si intende, invece, la parte finale della spazzola lavapavimenti, quella con il panno assorbente.

manuel jalon - elmundo.es

copyright: elmundo.es

In Spagna Jalón fondò l’azienda Rodex, la prima a commercializzare i mocio in Spagna per poi esportarli in tutto il mondo. Jalón morì nel 2011, all’età di 86 anni, non senza averci lasciato con altre utilissime invenzioni come le siringhe usa e getta che dal 1975 hanno sostituito le molto meno igieniche siringhe di vetro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *