L’origine de las rías in Galizia

Amo le leggende. Sono una delle cose che più mi affascinano e che preferisco ascoltare quando viaggio. Dalle leggende si può capire perché i nostri antenati hanno agito in modi che a noi sembrano assurdi o come alcuni scrittori sono stati ispirati per scrivere i loro fantastici libri o le loro poesie. La Galizia è una delle regioni spagnole più ricche di leggende, soprattutto leggende magiche o strettamente relazionate con la natura.

Oggi, però, volevo parlarvi di una leggenda breve e semplice che però mi ha fatto molto divertire e che mischia natura e religione. Sto parlando della leggenda sull’origine de las rías in Galizia. Las rías, per chiarirci, sono i fiumi che sboccano poi nei mari (nel senso che non sono fiumi interni che, in spagnolo, si chiamano ríos).

mappa Galizia GoogleLa leggenda narra che Dio, dopo aver impiegato 6 giorni a creare il mondo, si sedette per riposarsi un po’, sulla cima del Monte Santa Tecla. Il suolo, ai suoi piedi, era pieno di fango, dato che nei giorni precedenti aveva piovuto abbondantemente. Quando Dio decise di alzarsi si sbilanciò e, per non scivolare, appoggiò la mano sul fango, lasciando l’impronta delle sue dita. L’acqua circostante riempì subito la sua impronta e fu così che si crearono le 5 rías ovvero quella di Vigo, quella di Pontevedra, quella di Arousa, quella di Muros e Noia e quella di Corcubión e Cee. La mano di Dio rimase sporca di fango e fu proprio scuotendola per pulirla, che il Signore creò le isole che si trovano davanti alla regione gallega.

Ovviamente da questa leggenda non possiamo trarre niente di realistico, se non il fatto che quelle insenature, secondo gli studiosi, si siano formate con l’aumento del livello dell’acqua in alcuni punti del terreno (spiegazione che lascio volentieri a persone mooolto più competenti di me 😉 )

Guardare la cartina fa comunque sorridere e rende merito alla fantasia dei nostri antenati che avevano il bisogno di cercare di immaginare come nascevano le stesse cose che noi ora diamo tanto per scontate.

 

 

4 Responses

  1. The Lazy Trotter ha detto:

    Anche io amo le leggende, e questa e’ molto divertente!! Antiche storie che avvolgono la realta’ di mistero e luoghi segreti 🙂 Mai stata in Galicia ma appena ci andro’ visitero’ sicuramente queste insenature cosi’ speciali! 🙂

  2. Lucialesley ha detto:

    Anche io amo le leggende! Sono storie interessanti e hanno sempre un senso…le trovo anche romantiche spesso! ❤

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *