Sapevate che il padre della calcolatrice era spagnolo?

Uno degli strumenti più utili della nostra quotidianità è la calcolatrice. Ci segue dai nostri primi giorni di scuola e ci aiuta in una delle materie più difficili (ed odiate, oserei dire): la matematica!

È così un oggetto di uso comune che spesso ci dimentichiamo quanto è utile per poi ricordarcene quando i calcoli iniziano ad essere troppo ostici da essere svolti a mente. La troviamo integrata anche nel PC e nel telefono, oggetti diventati un prolungamento delle nostre mani, perché averla sotto mano è sempre una benedizione. 

calcolatrice - aspassoperlaspagna.it

Quanto conosciamo la calcolatrice? I più curiosi sapranno che fu il famoso francese Blaise Pascal a creare la prima calcolatrice meccanica, detta la pascalina, nel XVII secolo (1642), ma la vera svolta avvenne nel 1878 quando il galiziano Ramón Verea, ingegnere ed inventore, riuscì nell’impresa di realizzare la prima calcolatrice capace di svolgere le quattro operazioni basiche (addizione, sottrazione, moltiplicazione e divisione), arrivando addirittura a poter gestire numeri fino a 9 cifre.

 Ramón Verea - ritratto

È curioso scoprire che fu poi un suo connazionale, tale Leonardo Torres Quevedo, a inventare nel 1920 quella che è considerata la prima calcolatrice digitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *