Perché gli spagnoli dicono “vale” e non “ok”?

L’inglese è da tempo la nostra lingua franca, come lo era il latino nei secoli scorsi, ovvero la lingua utilizzata per comunicare a livello internazionale. Bisogna dire, però, che non tutti la pensano così e, infatti, alcune lingue evitano di usare gli anglicismi e cercano di nazionalizzare il più possibile certe parole. La Francia è forse il caso più lampante, ma anche la Spagna non è da meno.

Non si tratta solo di pronunciare “alla spagnola” certe parole, con esito spesso sconcertante per chi ascolta, ma anche di avere una vera e propria parola spagnola sostitutiva di quella inglese. È il caso di “vale“, una delle parole spagnole più utilizzate nella penisola che significa, appunto, ok.

vale ok spagnolo - aspassoperlaspagna.it

Vediamo però prima perché gli inglesi usano la parola OK e scopriamo la sua etimologia. In realtà le ipotesi sono diverse e, alla fine, come nei miti, è come se ci fosse un po’ di verità in ognuna di loro, ma la più accreditata rimane quella che indica i militari americani come suoi artefici. L’espressione OK veniva infatti utilizzata quando, dopo la conta dei morti alla fine delle battaglie, venivano indicati 0 (zero) K (killed ovvero morti). La situazione era ovviamente la più favorevole ed un segnale positivo, in quanto tutto stava, in un certo senso, andando bene.

Ora torniamo alla Spagna per scoprire perché il loro OK viene sostituito dall’espressione “vale”. Anche qui esistono differenti ipotesi, ma due sono le più accreditate:

  1. deriva dal verbo valer (che alla terza persona diventa vale) e indica che quello che sta dicendo l’altra persona ha un valore per chi ascolta
  2. deriva dal latino valeo che aveva molti significati tra i quali avere forza/essere efficace/avere significato quindi, in sostanza, dicendo “vale” si conferma che quello che l’altra persona dice ha un valore

Questo termine è utilizzato in Spagna in qualsiasi situazione: sia formale (con persone alle quali diamo del lei) che informale (con persone amiche o familiari).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *