Lo spagnolo al tempo del Covid

L’anno appena passato è stato uno dei più terribili che il mondo abbia mai vissuto dalla fine delle guerre mondiali. Un microscopico ed invisibile virus ci ha trattenuto (e ci sta ancora trattenendo) in ostaggio da quasi un anno, stravolgendo completamente le nostre vite. Data l’importanza del tema, ho deciso di scrivere un mini-vocabolario in spagnolo sul Coronavirus, con la speranza di poterne parlare a breve solo come di un lontano ricordo.

Vocabolario Covid spagnolo - aspassoperlaspagna.it

In Spagna, come in tutto il mondo, il Coronavirus è stato l’argomento più gettonato del 2020. All’inizio di marzo sembrava fosse una normale gripe (influenza) con síntomas leves (sintomi lievi): fiebre (febbre), tos (tosse), dolor de cabeza y de garganta (mal di testa e mal di gola) e cansacio (stanchezza). Si è però notato che c’era anche qualcosa di strano: pérdida del gusto y olfato (perdita del gusto e dell’olfatto) fino ad arrivare a síndrome respiratorio agudo (sindrome respiratoria acuta) che portava los enfermos (i malati) al tratamiento hospitalario (essere ricoverati) d’urgenza o direttamente in UCI – unidad de cuidados intensivos (terapia intensiva). Stavamo vivendo la primera ola (la prima ondata) e ancora non lo sapevamo. Un invisibile virus che partiva dalla sconosciuta città di Wuhan in China (Cina), aveva iniziato la sua propagación (propagazione) in Europa e noi eravamo completamente impreparati.

Nonostante le raccomandazioni dell’OMS (Organización Mundial de la Salud) per cercare di fermare el contagio (contagio) come toser (tossire) y estarnudar (starnutire) en el codo flexionado (all’interno del gomito) per non contagiare gli altri con las gotículas (particelle) infette, lavarse las manos muy a menudo (lavarsi spesso le mani) o utilizzare desinfectante (igienizzante), llevar mascarilla médica (utilizzare mascherine) meglio di tipo quirúrgicas (chirurgiche), ventilar las habitaciones (arieggiare le stanze) e mantenere el distanciamiento social (distanziamento sociale) per evitare di contraer la infección (contrarre l’infezione), las medidas (le misure) purtroppo non sono bastate e i vari governi hanno dovuto attuare dei decretos (decreti) e normativas anticontagios (normative anticontagio) più estrictas (strette) per contenere el brote (l’epidemia): movimientos limitados (spostamenti limitati) delle persone, toque de queda (coprifuoco), divisione in zona amarilla (gialla), naranja (arancione) e roja (rossa) dei vari territori, cuarantena (quarantena) e autoaislamiento (autoisolamento) in attesa di prueba (test) che confermasse la propria positividad (positività) o negatividad (negatività).

Vocabolario spagnolo Covid 2 - aspassoperlaspagna.it

Solo alla fine del 2020, in piena seconda ondata, siamo riusciti a vedere un po’ di esperanza (speranza) con el suministro (la somministrazione) di vacunas (vaccini) che creano gli anticuerpos (anticorpi) che sono in grado di protegernos (proteggerci) dal virus, nonostante il parere negativo degli antivacunas (no-vax).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *