La torta di Santiago

La torta di Santiago (o tarta de Santiago, come viene chiamata in Spagna) è un dolce tipico della Galizia e si chiama così, come è facilmente intuibile, da Santiago de Compostela, nota meta di pellegrinaggio della regione.

Ho trovato diverse ricette di questa torta, ma ne ho deciso di seguirne una che non avesse la farina in modo che questo dolce sia adatto anche per gli intolleranti al glutine 🙂 La consiglio per una merenda o per una colazione e a chi adora le mandorle.

Prima di iniziare, un ringraziamento specialissimo alla mia amica Anna che mi ha aiutato a preparare la torta e con le foto 🙂 Ed ora…iniziamo!

Tarta di Santiago - aspassoperlaspagna.it

Ingredienti per la torta di Santiago:

  • 5 uova
  • 250 g di zucchero
  • Scorza di un limone
  • Cannella
  • 250 g di mandorle tritate (non troppo fini, al supermercato le vendono già tritate)
  • Zucchero a velo

Come si cucina la torta di Santiago?

  1. Aggiungete in una ciotola abbastanza capiente i 250 g di zucchero e i 250 g di mandorle.
  2. Iniziate a incorporare al composto, una alla volta, le uova mentre continuate a mescolare energicamente (io ho usato la forchetta e direi proprio che una frusta elettrica non sia necessaria).
  3. Continuate a girare energeticamente finchè avrete ottenuto un composto come quello nella foto.
  4. Aggiungete al composto un po’ di scorza grattuggiata e di cannella (a vostro piacimento). Se usate le stecche, attenzione a non far cadere pezzi grandi di cannella nel composto ma solamente la polvere.
  5. Infornate per circa 30 minuti a 180° C (per sicurezza fate la prova dello stuzzicadente ovvero punzecchiate la torta con lo stuzzicadente e sfornate solo quando lo stuzzicadente risulterà asciutto). Dopo averla sfornata, aspettate qualche ora, mettete lo stencil della croce, spolverate con lo zucchero a velo e la torta è pronta!

Informazioni utili per preparare la torta di Santiago:

Lo so, avrei dovuto togliere la torta dallo stampo, ribaltarla e poi decorarla, ma purtroppo mi sono fidata troppo della ricetta e ho imburrato lo stampo e l’ho spolverato di farina in modo da poterla ribaltare successivamente ma, forse per il troppo zucchero, non ho potuto ribaltarla o l’avrei distrutta 🙁 Vi consiglio, soprattutto se non siete esperte come me o se siete intolleranti al glutine, di ricoprire lo stampo (almeno che non sia in silicone) con della carta da forno 🙂

Lo stencil lo trovate su Google Immagini digitando “Tarta de Santiago”: stampatelo, ritagliatelo (io l’ho lasciato su semplice carta bianca ma se volete conservarlo per non doverlo ristampare per le prossime volte che la preparerete, copiatelo su un cartoncino pesante) e posizionatelo sul centro della torta. Il momento di togliere lo stencil è la parte più complicata, secondo me, ma se ci sono riuscita io al primo colpo, sicuramente ce la farete anche voi 😉

24 Responses

  1. Paola ha detto:

    Beh, io adoro le mandorle quindi questo dolce è perfetto!
    Senza lievito quindi viene della consistenza dei biscotti, giusto?
    Proverò e ti farò sapere 😉

    • Stefania ha detto:

      Ciao Paola! No, viene di una consistenza strana.. è un pò difficile da spiegare.. cmq è molto morbida e l’unico tocco più duro è dato dalle mandorle 😉

  2. Elisa e Dintorni ha detto:

    Ciao! Posso dirti la verità? Anche se non è né ora di merenda né di colazione io una fetta me la mangerei lo stesso come spuntino prima di andare a nanna 🙂

  3. mariacarla ha detto:

    Non conoscevo proprio questa torta, ma mi ispira tantissimo. Bellissima l’idea dello stencil. La proverò di sicuro

    • Stefania ha detto:

      Ciao Mariacarla! Si, la torta è molto carina (in generale, non la mia ehehheh) ma l’idea dello stencil non è mia.. è proprio una delle caratteristiche della torta 😉

  4. Agnieszka ha detto:

    Sono negata in cucina, ma mi piace fare le torte e biscotti, quindi puoi essere sicura che a Natale la farò 🙂 . Vado in Polonia e mi piace portare i gusti nuovi alla mia famiglia! Grazie.

  5. Grazie! Abbastanza semplice anche per una svogliata come me 🙂

  6. Camilla Assandri ha detto:

    è da tantissimo tempo che voglio preparare questa torta.
    Un amico di famiglia mi aveva dato la ricetta, mi sa che devo proprio farla! 🙂
    La tua è proprio bella.

    • Stefania ha detto:

      Ciao Camilla! Bè, detto da te è un grande complimento!!! 🙂 Prova a farla e non te ne pentirai 😉

  7. valentina ha detto:

    Salvata mi ispira molto. Dici che la farina di mandorle in caso è troppo fina?

    • Stefania ha detto:

      Ciao Valentina! No, no! La farina di mandorle non va bene.. devono essere proprio pezzi di mandorle (qui in Italia le vedono già triturate al supermercato) e non usare la farina in generale.. in questa ricetta non ce n’è bisogno 😉

  8. Deve essere buona ma non usando le uova non credo mi possa venire come la ricetta originale!

    • Stefania ha detto:

      Ciao Stefania! No, in questo caso te la sconsiglio 🙁 Mangeresti solo delle mandorle triturate hehhee

  9. Sembra buonissima e facile da fare, con pochi ingredienti. Non la conoscevo, grazie! 🙂

    • Stefania ha detto:

      Ciao Agnese! Di niente! E’ molto veloce e facile…l’unica ansia mi è venuta per lo stencil ehehhehe

  10. Lianka ha detto:

    In quanto vegana proverò a farne la versione senza uova…non so bene cosà ne uscirà ma ti saprò dire 😉
    un caro saluto

    • Stefania ha detto:

      Ciao Lia! In questo caso, te la sconsiglio perchè, come dicevo anche in un altro commento, mangeresti solo mandorle triturate 🙁

  11. Mi fai venire una fame tremenda Stefania! Dovrò provarla assolutamente.

  12. Lucia Lesley ha detto:

    Che bella ricetta senza farina!!! Davvero interessante! Non conoscevo la Torta di Santiago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *