Ferdinand: il tenero toro che ci insegna ad essere noi stessi

A Natale, dal 21 dicembre, lasciate stare i cinepanettoni e, che siate grandi o piccini, andate al cinema a vedere “Ferdinand“, la tenera storia di un toro spagnolo che insegna che siamo noi a scrivere il nostro destino.

ferdinand

Locandina Ferdinand – credit: 20th Century Fox Animation e Blue Sky Studios

Ferdinand: la trama

Il film d’animazione, ispirato al libro “The Story of Ferdinand” di Munro Leaf del 1936, un libro che già all’epoca ebbe molto successo, racconta la storia del toro Ferdinand. Nato nella Casa del Toro, un luogo dove si allevano principalmente tori che avranno due soli destini: finire al macello o combattere nell’arena. Ferdinand è un toro tenero, non ha nessuna attitudine aggressiva e nessuna voglia di combattere, ma adora i fiori ed è sempre protettivo e gentile con tutti. Il giorno in cui il suo papà, scelto per la corrida, non fa più ritorno, Ferdinand scappa e arriva, per caso, vicino a Ronda (Andalusia), dove viene accolto da Nina, una bimba con cui Ferdinand cresce e gioca finché, un giorno, una puntura d’ape gli fa scatenare il panico in un paesino e, scambiandolo per toro aggressivo, viene portato… Bé, il resto lo vedrete al cinema! 😉

Ferdinand: la mia recensione

Il film è molto carino e, non c’è neanche bisogno di dirlo, disegnato molto molto bene (ma su questo non c’erano dubbi). La cosa bella è che è adatto anche agli adulti perché non diverte solo, ma fa ridere, fa pensare e soprattutto fa commuovere. In un mondo dove ci uniformiamo tutti per non essere esclusi o emarginati, Ferdinand ci insegna che la vera vittoria è seguire il proprio cuore ed essere se stessi, ad ogni costo. Ho trovato, inoltre, molto interessante ed intelligente, dato il pubblico a cui è principalmente destinato, il modo in cui hanno raccontato la scena della corrida.

Ferdinand: alcune curiosità

*In realtà, è dimostrato, che il toro non ha nessuna attitudine aggressiva, ma che viene molto innervosito dal movimento improvviso e non dal colore rosso, come si pensa solitamente (tanto è vero che il torero torea con un mantello dorato e rosato).

*La Disney aveva già prodotto, nel 1938, la storia di Ferdinand. Ovviamente, a causa delle limitate tecniche digitali dell’epoca, il risultato è leggermente diverso. La trovate su YouTube cercando: Toro Ferdinando – Ferdinand The Bull – 1938

*Vi ricordate del wrestler John Cena? È proprio lui a dare la voce al gigantesco, ma dolce, Ferdinand.

*Il film d’animazione è prodotto da 20th Century Fox Animation e Blue Sky Studios, la stessa di Rio e de L’era glaciale.

*Il cartone non è identico al libro, ma è stato riadattato anche aggiungendo nuovi personaggi.

*Spesso i personaggi secondari della scena parlano in spagnolo.

Se non vi avessi ancora convinti ad andare a vederlo, qui sotto vi lascio il trailer ufficiale 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *