L’ABC dell’Andalusia

Continuiamo il gioco inventato da Silvia del blog Trippando e che tanto mi era piaciuto! Con questo gioco scopriremo, per ogni lettera dell’alfabeto, un qualcosa legato alla regione o alla città presa in considerazione. Qualche settimana fa, avevo parlato dei Paesi Baschi mentre questa settimana scendiamo a sud e arriviamo fino all’Andalusia. Leggete quali parole mi sono venute in mente e proponetemi le vostre alternative, se vi va. La difficoltà del gioco è duplice: scegliere l’alternativa più rappresentativa (nel caso le parole collegate alla stessa lettera fossero tante) e sforzarsi per trovare alcune lettere che a volte sembrano farti impazzire. Voi siete pronti? Io vado!

abc dell'andalusia - plaza de espana - aspassoperlaspagna.it

A come Alhambra. Cosa c’è di più famoso a Granada? Una fortezza, costruita dai Mori, che si erge su una collina e che si divide in 3 tipologie di edifici: i palazzi reali (Palacios Nazaríes), il palazzo estivo di Generalife con i suoi giardini e l’Alcazaba (la fortezza).

B come Bodegas. La traduzione in italiano è “cantine” e sono disseminate per tutte la regione. Famosissima quella di sherry di Gonzales Byass, creatore del marchio Tío Pepe (la cui insegna troneggia nella Puerta del Sol di Madrid), ma potete trovare (e visitare) anche quella di Osborne, con la mitica insegna del toro, celebre in tutto il mondo e diventato il simbolo della Spagna all’estero.

C come Chirigotas. Sono canzoni ironico-satiriche, cantate durante il carnevale di Cadice (Cádiz). Se andate su YouTube ne trovate un sacco e anche molto divertenti (vi consiglio LOS DE GRIS, dove gli attori/cantanti sono vestiti come in Grease).

D come Desierto de Tabernas. Lo conoscete già! Lo avete già visto ma forse non ci siete mai stati. Sapete perché vi suona così familiare? E’ stato il luogo dove sono stati girati tanti film dello stile spaghetti-western come “Per un pugno di dollari” e “I magnifici 7”.

E come El Rocío. Un vero e proprio pellegrinaggio che avviene ogni maggio dove, persone con carri molto decorati trainati dai cavalli, arrivano da tutta la regione (ma soprattutto da Siviglia e Huelva) per arrivare alla Romería del Rocío dove si commemora il miracolo di Nuestra Señora del Rocío (rocío, in spagnolo, significa rugiada), ovvero una statua che sembra essere resistente a qualsiasi tentativo di spostarla.

F come Flamenco. Non c’è ballo più tipico che possa essere associato all’Andalusia. Il flamenco si balla e si canta, con cuore e sentimento o con “el alma/arma”, l’anima, come direbbero gli andalusi. Con il flamenco, i gitani raccontano le storie di amori problematici o le storie delle loro origini.

abc dell'andalusia - flamenco - aspassoperlaspagna.it

G come Gazpacho. Questa zuppa fredda è famosissima e molto bevuta durante l’estate. E’ facilissima da preparare e contiene peperoni, pane, olio, sale, pomodori, cetrioli, aceto, aglio e cipolle. Confesso che, per la maggior leggerezza, preferisco bere (in estate ma anche in altri periodi dell’anno), il salmorejo cordobés di cui potrete trovare la ricetta qui.

H come Huelva. Qui in Italia potreste aver sentito parlare di questa zona per le buonissime fragole che importiamo ogni estate, chiamate fresones ovvero “fragolone” per la loro grandezza (fresa, in spagnolo, vuol dire fragola)

I come Inglesi. Conoscete la città di Gibralterra? Questa città si trova in Andalucía ma è sotto giurisdizione inglese, in quanto si tratta di una loro colonia. La lingua ufficiale è l’inglese ed è storica la diatriba fra Spagna e Gran Bretagna per cercare di riottenerla/tenersela stretta.

L come Federico García Lorca. Il poeta spagnolo morto nel 1936, all’eta di 38 anni, e fucilato dai franchisti per essere repubblicano ed omosessuale. Nonostante la morte in giovane età, Federico García Lorca era molto apprezzato anche all’estero e aveva tantissime conoscenze nel mondo artistico, primi fra tutti Dalí e Picasso.

M come Mezquita. La Mosquea più famosa ed apprezzata di Córdoba, costruita durante il periodo in cui regnavano i Mori. La Mezquita venne successivamente ampliata e racchiude al suo interno un mix di vari stili: gotico, barocco, rinascimentale…

N come NO8DO. Ideato da Alfonso X il Saggio, è un simbolo che troverete praticamente in tutta la città di Siviglia. Significa “NO MADEJA (matassa) DO” che si legge “No me ha dejado” (ovvero “Non mi ha abbandonato”) in quanto il simbolo si riferisce alla lealtà con la quale i cittadini di Siviglia stettero dalla parte del loro re, nello scontro che ebbe con suo figlio Sancho.

abc dell'andalusia - NO8DO - aspassoperlaspagna.it

O come Osuna. Questo pueblito vicino Siviglia è recentemente diventato famoso per la sua Plaza de Toros, l’arena utilizzata per filmare alcuni episodi della famosa serie “Trono di Spade” (o Juegos de Tronos, per dirla alla spagnola). Ve ne avevo già parlato in un altro articolo che, se vi fa piacere, potrete leggere qui

P come Plaza de España. Come si può visitare Siviglia e non andare a vedere la bellissima Plaza de España? Progettata nel 1910 da Anibal Gonzalez Alarez Ossorio, è una delle attrazioni più visitate a Siviglia. Oltre a farci un giretto, potrete anche affittare una barchetta e remare un po’ per il “fiume” che la attraversa.

Q come Quaresima. La Settimana Santa, ovvero l’ultima di Quaresima, è uno dei momenti più importanti per l’Andalucía. Celebrata in tutta la regione con carri (pasos) e penitenti che girano per le strade principali delle città.

R come Religione. Gli andalusi (ma non solo loro) sono molto famosi per le processione e per la loro dedizione alla fede cristiana. Ovviamente non è l’unica religione professata, come succede in ogni grande città, ma non c’è regione più simbolica dell’Andalucía alla quale si pensa quando si parla di processioni.

S come Siviglia. Questa città stupenda è la capitale dell’Andalusia. Impossibile non visitarla! Cosa vedere? Dalla mitica Plaza de España, alla Torre del Oro, alla Cattedrale dove si trova la tomba di Cristoforo Colombo, a “las Setas“, alla Giralda, ai musei e i giardini…

T come Tauromachia. Non tutti gli andalusi sono a favore della corrida ma non si può non notare che i più famosi toreri spagnoli sono andalusi (Francisco Rivera, Manolete, El Cordobés, Juan José Padilla). La tauromachia, infatti, prevede degli “spettacoli” (orribili, aggiungerei) dalle origini molto antiche, nei quali il toro “combatte” contro il torero.

abc dell'andalusia - tauromachia - aspassoperlaspagna.it

U come Uliveti. Jaén, il piccolo paesino da dove veniva la nostra amica Isabel, è conosciuta come la capitale dell’olio d’oliva e per essere il paese che ne produce di più. Molto dell’olio che consumiamo in Europa è olio spagnolo, lo sapevate?

V come Veleta. Il Pico della Veleta è la seconda cima più alta della Sierra Nevada (3400 m d’altezza circa) e la terza più alta della Penisola Iberica, superata solo dal Mulhacén e dal Picco d’Aneto. La montagna più alta di tutta la Spagna è invece Teide, che si trova a Tenerife, nelle isole Canarie.

Z come Zahara  de la Sierra. Anticamente una cittadella sotto il controllo dei Mori. Così importante che, la sua caduta, aprì la strada ai cristiani per la conquista di Granada. Le guide la descrivono come “uno degli esempi più perfetti di paesino collinare fortificato

34 Responses

  1. L?Andalusia è il mio più grande sogno di viaggio e non vedo l’ora di esaudirlo al 100%! Sicuramente questo tuo post mi ha portato un pochino lì, in quella regione che sogno da tanto tempo, e per questo ti ringrazio!! 🙂

    • Stefania ha detto:

      Ciao Agnese! Grazie mille! Però vacci davvero in Andalusia e vedrai che non te ne pentirai 🙂

  2. Camilla Assandri ha detto:

    Trovo sempre molto interessanti gli articoli inerenti all’ABC.
    Ho scoperto tante cose che non conoscevo dell’Andalusia e sono veramente contenta di aver letto il tuo post 🙂

  3. Chiara ha detto:

    Mentre dei Paesi Baschi ero proprio “a digiuno”, molte di queste parole mi sono tornate alla mente dopo il mio viaggio in Andalusia di quest’estate! 🙂

    • Stefania ha detto:

      Ciao Chiara! Sarà stato sicuramente un bel viaggio perchè l’Andalusia è molto bella 😉

  4. Valeria ha detto:

    Se al Deserto de Tabernas ci hanno girato anche il Buono, il Brutto, e il Cattivo, sto già là! 😀

  5. Ilaria ha detto:

    Mentre sono bloccata in treno ho trovato maniera di distendersi, leggendo @stefaniacolombo il tuo post su una delle terre che amo di più! Grazie

  6. Paola ha detto:

    Bellissimo post! Sono stata a Siviglia pochi anni e ripercorrerla con le tue parole mi ha fatto tornare indietro nel tempo :-))

  7. Elisa e Dintorni ha detto:

    Ho letto diversi ABC ed anche questo sull’Andalusia è molto interessante, ricco di luoghi, tradizioni e curiosità

  8. mariacarla ha detto:

    bellissimo articolo che mi ricorda un viaggio fatto tanto tempo fa e mi fa venire voglia di tornare in questa magnifica terra 🙂

  9. Che bel post complimenti! Mi ispiri sempre di più con l’Andalusia!

  10. Carmen Gagliardi ha detto:

    Ciao Stefania, oh potrei leggere qualsiasi tuo post e rimanere estasiata. Amo follemente la Spagna…quindi per i prossimi viaggi farò sicuramente un giro qui per prendere spunto!!! Dell’Andalusia ho visitato solo Siviglia, mi è piaciuta tantissimo ma c’è stato un posto che mi ha fatto entrare quella città nel cuore…La Carboneria!!! Dopo l’abituale spettacolo di flamenco, due signori del quartiere Triana hanno iniziato a cantare e suonare, coinvolgendo tutti…è stata una delle serate più belle della mia vita!!! Ecco la mia alternativa 😉

    • Stefania ha detto:

      Ciao Carmen! Allora siamo in 2! La Spagna è fantastica e non puoi che innamorarti 🙂 Ottima alternativa, la terrò in conto quando ci ritornerò 🙂

  11. Quando sono stata a Siviglia ero incuriosita dal NO8DO poi la guida ci ha spiegato cosa significasse. Non ci avrei mai pensato!

    • Stefania ha detto:

      Ciao Stefania! Sì, è una storia molto curiosa e un gioco di parole davvero intelligente 😉

  12. Rosaria ha detto:

    Dell’Andalusia ho fatto solo un breve giro a Malaga, ma mi riprometto sempre di metterla in calendario, perché credo sia una regione fantastica, fuori dal comune! ^_^
    Grazie per questa guida fuori le righe…un bacio! :*

    • Stefania ha detto:

      Ciao Rosaria! Visitare Siviglia è d’obbligo quindi…devi assolutamente tornarci! Un bacio anche a te 😉

  13. Lianka ha detto:

    Splendida l’idea di usare l’alfabeto per descrivere i luoghi. Me encanta Espana <3

  14. Io quando si parla di Andalusia vado in brodo di giuggiole… non potevo non leggere il tuo post!
    Ci ho vissuto diversi mesi per un tirocinio e ci sono tornata anche in altre occasioni… e a breve, se tutto va bene, dovrei volare di nuovo lì per lavoro 😀 ma shhhh ancora non è sicuro, quindi spero di non essermela gufata!
    Adoro la Spagna, mi piace un sacco leggere i tuoi post dedicati a questo Paese 🙂 carinissimo poi questo gioco!
    un abbraccio

    • Stefania ha detto:

      Ciao Diletta! Grazie mille! Anche io l’adoro (ma penso si sia già capito per via del blog ehhehe)! In bocca al lupo e spero che tornerai presto in questo bellissimo paese 🙂

  15. Elena ha detto:

    Simpatico questo ABC, mi è piaciuto davvero molto e sopratutto lo trovo veramente utile!

  16. vagabondele ha detto:

    Pensavo di conoscere bene questa regione della Spagna e invece… mi hai sorpreso con tante belle chicche che sfrutterò nel prossimo viaggio primaverile!!!

    • Stefania ha detto:

      Ciao Elena! Grazie mille e…fammi sapere se quando torni in Andalusia scopri tu qualche chicca per me 🙂

  17. Michela Lazzaroni ha detto:

    Che bello questo gioco delle lettere dell’alfabeto! E complimenti per l’articolo… Tante notizie interessanti e non noiose!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *