Puerta del Sol, il luogo emblematico di Madrid e della Spagna

Andare a Madrid e non vedere la Puerta del Sol? Impossibile! Questa piazza dove, neanche a dirlo, adesso non troverete nessuna porta, è una delle più rappresentative della capitale, tanto da essere anche il luogo scelto per celebrare l’anno nuovo (e non solo).

Puerta del Sol di Madrid: il nome

Sapete perché Puerta del Sol si chiama così? In quel luogo sorgevano delle mura che dividevano la città dalla periferia e, in quella che ora è una delle più celebri piazze del mondo, si trovava una porta. Ci sono due ipotesi per questo nome: la prima è che venne disegnato un sole sulla porta di ingresso e la seconda è che, essendo esposta verso oriente, da delle fessure entrasse la luce del sole.

Puerta del Sol di Madrid: i simboli da non perdere

La Puerta del Sol non è solo il luogo di incontro più amato dai madrileños che, comunemente, lo chiamano Sol, ma è anche il punto dove si concentrano tantissimi simboli non solo della città, ma importanti anche per la Spagna stessa.

1) Statua del Re Carlos III: il reale della dinastia dei Borboni, venne chiamato dagli abitanti “El Alcalde de Madrid” (il Sindaco di Madrid) perché, dal suo arrivo da Napoli, riconvertì e migliorò completamente la città creando, solo per citare alcuni esempi, il sistema fognario e molti parchi pubblici.

Puerta del Sol Madrid - Statua Carlos 3 - aspassoperlaspagna.it

2) Insegna Tío Pepe: rappresenta il marchio di una delle imprese produttrici più famose di Spagna. Nonostante non faccia riferimento a un prodotto locale (il vino è prodotto in Andalusia), non è difficile capire perché gli abitanti della capitale la amino follemente tanto da manifestare quando, dopo i lavori di restauro, la Apple decise di non rimetterla più sull’edificio occupato dal famoso brand perché non in linea con le sue esigenze estetiche. L’insegna, però, non poteva andare perduta e venne riposizionata su un altro edificio. Guardarla di sera, illuminata, è davvero uno spettacolo!

Puerta del Sol Madrid - insegna Tio Pepe - aspassoperlaspagna.it

3) Statua dell’Orso e il Corbezzolo:  è questa la traduzione del simbolo per eccellenza ovvero “El Oso y el Madroño”, opera dello scultore Antonio Navarro Santafé. Rappresenta un’orsa (orsa perché deriverebbe dall’Orsa Maggiore mentre per altri rappresenta l’orso che venne ucciso in una battuta di caccia dal Re Alfonso XI) in piedi, intenta a cercare qualche frutto sull’albero. Si pensa che l’orsa sia il simbolo araldico della città per due motivazioni: la prima è che i boschi intorno a Madrid erano popolati da molti orsi e la seconda è che rappresenta la ripartizione fra potere politico e religioso dei territori, accordo risalente al 1200 circa. Dal 2017 sulla statua c’è una targhetta che ne commemora i suoi 50 anni in Puerta del Sol, anche se non si è sempre trovata nella stessa posizione.

Puerta del Sol Madrid - Orso e corbezzolo - aspassoperlaspagna.it

4) Real Casa de Correos: ex sede centrale delle Poste e, dal 1979, sede della Presidenza della Comunità di Madrid. Fu dai suoi balconi che, nel 1931, venne pubblicata la seconda Repubblica spagnola.

Puerta del Sol Madrid - Real casa de Correos - aspassoperlaspagna.it

5) Torre dell’Orologio: alzando gli occhi verso la torre della Real Casa de Correos, troverete l’orologio più importante di Spagna. Costruito nel XIX secolo e donato dall’orologiaio José Rodríguez Losada, è il punto più guardato dalla nazione il 31 dicembre di ogni anno: è, infatti, lui con i suoi rintocchi a scandire la tradizione di comer las uvas per festeggiare l’anno nuovo.

Puerta del Sol Madrid - torre orologio - aspassoperlaspagna.it

6) Chilometro 0: ora date le spalle alla Torre dell’Orologio e guardate per terra per trovare l’indicazione del chilometro 0. Cos’è il chilometro 0? È il punto convenzionale per misurare le distanze in km rispetto agli altri luoghi della Spagna. Sapete che c’è un trucchetto per capire dove vi trovate a Madrid? Guardate i numeri civici: più siete vicini al chilometro 0 e più i numeri civici saranno bassi!

Puerta del Sol Madrid - chilometro 0 - aspassoperlaspagna.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *